Il Progetto

Il Policy Game è un progetto promosso da ASP e svolto in collaborazione con la Camera dei Deputati con l’obiettivo di simulare tutte le fasi di creazione e approvazione di una proposta di legge. Ogni anno vengono selezionati 100 studenti provenienti dai quattro dipartimenti Luiss e divisi in tre partiti politici con idee differenti sul tema: ogni gruppo dovrà, nelle due settimane successive, preparare una proposta di legge aderente alle posizioni politiche del partito.

Il progetto è stato strutturato per essere il più aderente possibile alle reali dinamiche parlamentari ed ogni anno scegliamo temi che possano creare un dibattito costruttivo ma anche divertente. L’obiettivo del progetto è quello di avvicinare i giovani al mondo delle istituzioni, mettere in pratica argomenti studiati in ogni corso di studio Luiss e creare un luogo di dibattito vivace, fresco e, spesso, senza limiti tra studenti di età diversa e con differenti competenze.

Vivi un giorno da parlamentare!


Politica è confronto e responsabilità, serietà e coerenza. Politica è studio, analisi e decisione. In un quadro politico come quello attuale, dove questi elementi, seppur essenziali, sembrano essere assenti, la sfida del Policy Game è quella di permettere a degli studenti di mettersi in gioco per dimostrare che una politica di qualità non è utopia. La possibilità di applicare concretamente le proprie conoscenze e competenze, insieme al privilegio di varcare la soglia di Montecitorio in qualità di Deputate e Deputati, rappresenta un’opportunità da cogliere e contestualmente una responsabilità da onorare. In quanto di Onorevoli (per ora) per un giorno, sarete chiamati ad elaborare strategie parlamentari, esercitare la vostra arte oratoria, nonché a mettere in campo le vostre capacità di mediazione, con la consapevolezza di come la Politica, anche nel Policy Game, sia una cosa seria.

Giacomo Moroni (Ex Tutor Policy Game)

Il Policy Game si è rivelata un’esperienza inaspettatamente formativa per diversi motivi, ma tra essi spicca soprattutto l’unione vincente tra la professionalità e competenza degli ospiti con la spregiudicatezza dei partecipanti. Da fare! Mi raccomando, non fidatevi di nessuno.

Alessio Corsato Studente magistrale di Relazioni Internazionali

Il policy game è un'esperienza davvero formativa. Ritengo che "mettere le mani in pasta" - e farlo con criterio - sia indispensabile per noi studenti e appassionati, sia per scoprire dinamiche meno note, sia per disegnare il nostro futuro. Aspettatevi di curare un disegno di legge sin dalla forma più embrionale, ma non solo: sarete chiamati a difendere quel testo che voi stessi avrete forgiato, il tutto condito con una importante dose di divertimento!

Francesco Di Carne Studente magistrale di Marketing metrics and analytics

Ho partecipato all’ultima edizione del Policy game sul tema delle Lobby. Portare avanti l’ideale di un partito, rendere unica la proposta di legge, scendere a compromessi con gli avversari politici...sono solo alcuni dei momenti che rendono il Policy game un progetto unico nel suo genere,

Gerardo Amoroso Laureato Luiss

Per me il policy è stata un’esperienza indimenticabile, ho colto per la prima volta cosa volesse dire essere parlamentare per un giorno. Infatti durante la mia esperienza non ho solo appreso come scrivere un progetto di legge, ho imparato come coordinare il lavoro in un gruppo, come credere in una posizione politica che non mi appartiene e come scendere a compromessi con i miei colleghi. Non scorderò mai la discussione finale della mia prima edizione, come io e il mio gruppo, infuriati per un'alleanza tradita, siamo usciti dall'aula in segno di protesta.

Sabrina Sileoni Studentessa di Politics, Philosophy and Economics

Simulazione Finale via Webex

Indirizzo di saluto del Direttore Generale Giovanni Lo Storto

4 maggio 2020